Giaca, il frutto che potrebbe finire la fame nel mondo

Fonte immagine: Adobe Stock

Chiunque abbia viaggiato in paesi tropicali abbia probabilmente provato o almeno lo avrà visto nei negozi di frutta. È il frutto che combatte la fame.

È uno dei frutti più grandi del mondo e ha una parte commestibile interna con caratteristiche molto particolari. Si ritiene che con questo frutto potrebbe contribuire a combattere la fame nel mondo.

Jaca ( Artocarpus heterophyllus ), noto anche come Giaca, pane o Català, è nativo in India, ma possiamo anche trovarlo in altri paesi del Sud-Est asiatico. È un frutto molto particolare per la sua dimensione (infatti è il più grande del mondo che cresce sugli alberi), ma non solo per questo, ma anche particolarmente per le sue caratteristiche nutrizionali.

Immagina un frutto di un diametro medio di circa 40 centimetri e un peso di circa 30 chilogrammi. Beh, è ​​una giaca, e li hanno anche trovati più grandi. Ha una forma ovale e una buccia verde fitta. La polpa interna è gialla. Il suo sapore è dolce e si può dire che assomiglia all'ananas e alla vaniglia, ma quando cuoce, cambia il suo sapore e ha sapore come maiale (ma in una versione leggermente più esotica …).

Perché giacaca è così nutriente?

La polpa carnosa di questo frutto contiene proteine, potassio, calcio e ferro , tutte le sostanze essenziali per il corpo. Un unico pezzo di questo frutto può produrre centinaia di piccole lampadine gialle ciascuna contenenti un seme nutriente. La polpa è una grande fonte di vitamina C , mentre i semi sono ricchi di proteine, potassio, calcio e ferro.

In questa tabella è possibile vedere il valore nutrizionale della giaca:

Tabella-nutrizionale-Yaca

Quali vantaggi ha?

♥ È una grande fonte di antiossidanti e combatte i radicali liberi. Questo rende il sistema immunitario migliore.

♥ Aiuta a contrastare gli agenti infettivi. In realtà è usato molto per i casi di otite e congiuntivite.

♥ Migliora il funzionamento del sistema digestivo.

♥ Può essere usato come lassativo.

♥ Regolazione del peso.

♥ Ipertensione, può ridurre e controllare la pressione sanguigna.

♥ Previene attacchi di cuore, disturbi cardiaci e tratti.

♥ Migliora la salute degli occhi.

♥ Ha proprietà antiasmatiche, antidiarroiche e anthelmintiche.

♥ Eliminare le verruche.

♥ Si crede di aiutare a combattere alcuni tipi di cancro, ma questo è ancora da confermare. Infatti c'è uno studio pubblicato nella rivista Carnogenesis del 2012 che assicura che questa frutta contiene tanta vitamina C che possa impedire il verificarsi di cancro al seno.

Oltre alle sue proprietà come alimento, questo albero da frutta ha molte altre proprietà:

♥ I fogli possono essere utilizzati come alimenti per capre e altri animali.
♥ La corteccia arancione è tradizionalmente utilizzata come colorante per l'abbigliamento.
Gli alberi producono una sostanza appiccicosa che può essere utilizzata come colla.
♥ Il tronco è utilizzato per fornire legna da ardere o legno.

Può la gaiaca evitare la carestia del mondo?

Dato le caratteristiche del giaca e tenendo presente che un singolo albero può produrre 150 frutti per stagione, la risposta è sì, può essere un alimento di qualità per milioni di persone in tutto il mondo attualmente affamate o malnutrite. Un singolo frutto potrebbe nutrire una famiglia come se fosse un pasto completo .

In Bangladesh e in altre parti del sud-est asiatico, yaca viene servito in diversi modi: curry, succhi di frutta, patatine fritte, gelati, semi secchi, farina …

Naturalmente, dovete tenere a mente che la yaca è conservata solo per un paio di settimane quindi devi mangiare velocemente. In India , infatti, il 75% di questi frutti si perde perché non vengono consumati in tempo, cosa che non avviene in altri paesi come il Vietnam, la Malesia o il Bangladesh dove viene utilizzato in molte ricette e il consumo di giaca è molto alta.

Diventerà una risorsa preziosa e contribuirà alla fine della fame nel mondo?

La voce Giaca, la frutta che potrebbe finire la fame nel mondo, appare innanzitutto in Salute e Benessere.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *