Quante Ruote Deve Avere Un Buon Passeggino?

Come scegliere il miglior passeggino? Scegliere il giusto passeggino che ti permetta di portare a spasso il tuo bambino senza farti stancare nel trasportarlo non è sempre un’impresa semplice. I nostri consigli hanno lo scopo di aiutarti a trovare quello più adatto alle tue esigenze unendo alla qualità il risparmio. Abbiamo selezionato per te quelli proposti da alcuni ecommerce online. Il momento ideale per usare il passeggino è a partire dai sei mesi d’età quando il piccolo può stare seduto o leggermente sdraiato e godere del mondo circostante. Per spostamenti rapidi e brevi molto spesso i genitori preferiscono un passeggino leggero, poco ingombrante e più pratico per la città.

  • Hauck Sport Disney, Passeggino, Multicolore (Moonlight/Capri)
  • Evitare preparati “casalinghi” che stimolano l’abbronzatura;
  • Sedile anatomico omologato per i gruppi 1, 2 e 3 (da 9 a 36 kg) con sistema di protezione
  • Un pacchettino di biscotti
  • Consulta il manuale del veicolo o del prodotto

Ma andiamo adesso ad analizzare nello specifico tutte le caratteristiche del passeggino ideale. Perché il più confortevole fra i compatti? Nelle grandi città, piccolo è meglio. Le cinture di sicurezza a cinque punti, poi, cingono il piccolo come in un morbido abbraccio. Agile e leggero, è dotato di un maniglione unito regolabile in altezza che permette una guida fluida, anche con una mano sola, e di sospensioni indipendenti sulle quattro ruote. Sotto il seggiolino, è di serie un ampio cestino capace di contenere oggetti fino a 4 Kg di peso. Da sottolineare anche che la chiusura tridimensionale a libro si effettua con una sola mano, con o senza seduta, e in entrambe le modalità, sia che stiate usando il passeggino fronte strada sia che lo stiate usando fronte mamma. Via libera alla creatività: mostra al mondo il tuo stile!
Il beneficio è la maggiore flessibilità che ti consente di utilizzarli per più tempo, man mano che tuo figlio cresce, e di risparmiare sul prezzo perché eviterai di doverne acquistare un altro. Per stabilire quale seggiolino comprare cerca di capire, dalla descrizione del prodotto e dalla recensione che ne fanno i clienti, se il modello che ti piace risulta comodo e pratico da installare e da usare. Agganciarlo e sganciarlo dall’auto potrebbe rivelarsi un’operazione più problematica del previsto, a maggior ragione se dovrai eseguirla spesso, magari tutti i giorni o addirittura più volte al giorno. Da questo punto di vista, ti suggeriamo di valutare il sistema Isofix, probabilmente il più pratico e rapido in assoluto. Basta, infatti, collegare i connettori presenti nelle auto – che dal 2006 sono già tutte predisposte di serie per questo sistema – a quelli del seggiolino. Tra le qualità offerte da un buon seggiolino ci deve essere la comodità, non solo per il genitore, ma anche e soprattutto per il bambino. Cerca, quindi, di capire se lui può salire e scendere comodamente e se la seduta è sufficientemente larga per ospitarlo comodamente senza che stia troppo stretto.

In generale sarebbe meglio utilizzare questo mezzo solo in parchi o aree chiuse al traffico. In moto: è vietato il trasporto su un veicolo a due ruote di bambini di età inferiore ai 5 anni. Per i bambini di età superiore è obbligatorio un casco di misura adeguata. E’ consigliabile l’uso di accessori utili alla sicurezza del bambino come scarpe da moto, pantaloni tecnici o protezioni per la spina dorsale. In Taxi: sono esentati dall’utilizzo di cinture di sicurezza i bambini di statura non superiore a 1.50 mt che non potranno, però, occupare il sedile anteriore e dovranno essere accompagnati da almeno un passeggero di 16 o più anni. In Autobus: un bambino di età inferiore ai 3 anni potrà viaggiare senza particolari accorgimenti su minibus e autobus di categoria internazionale M2 e M3. Un bambino di età superiore ai 3 anni, invece, dovrà essere trasportato utilizzando le cinture di sicurezza di cui l’autobus o il minibus è dotato.

Se si viaggia in montagna, si consiglia di tenere a bordo le catene da neve in caso di forti nevicate, per assicurare l’aderenza e la trazione necessarie in queste condizioni. Se si resta bloccati in un ingorgo, è utile disporre di una coperta, abiti caldi, cibo e bevande, soprattutto se si viaggia con i bambini. Guanti e scarpe invernali basse sono utili se fosse necessario montare le catene da neve. Per avere una buona visibilità è importante togliere il ghiaccio dal parabrezza e liberare anche i fari, gli specchietti e i finestrini della vettura. La neve dovrebbe essere tolta da tutta la vettura, anche dal tetto. Infatti, in caso di frenata improvvisa, potrebbe scivolare sul parabrezza. In caso di forti nevicate, è bene dotare l’automobile di catene da neve, che devono essere installate sulle ruote anteriori se si guida una vettura a trazione anteriore e sulle ruote posteriori se si guida una vettura a trazione posteriore. Viaggiare in auto con i bambini è sempre un’avventura, ma affinché lo sia solo nell’accezione positiva del termine, ecco il vademecum indispensabile per andare ovunque in auto. Scegliete sempre prodotti di qualità (sul sito della pluripremiata azienda tedesca Cybex trovate tutte le informazioni per scegliere al meglio il giusto seggiolino) e se è il caso di cambiarlo non aspettate l’ultimo momento prima di partire. Un nuovo seggiolino richiede un po’ di rodaggio perché il bimbo ci si abitui! L’ideale sarebbe avere anche un ricambio ma è sufficiente tenere a portata di mano alcune mussole di cotone multiuso (assorbono, asciugano, riparano): indispensabili in viaggio! Seggiolino auto gruppo 2-3 (15-36 kg): come convincere i bambini più grandi? Meglio un seggiolino con paggiaschiena e poggiatesta strutturati. Molti dei seggiolini, oltre a garantire estrema sicurezza e comfort, hanno anche i canali per la ventilazione della scocca! Oltre a tablet e telefonini (non adatti però a chi soffre di mal d’auto) sono sempre validi i passatempi di una volta. Giochini e canzoncine sono l’ideale per distrarre i bimbi mal tolleranti ai lunghi viaggi in auto. Se siete a corto di idee, prima di partire fate una rapida ricerca su internet dei possibili giochi da fare in auto in base all’età dei viaggiatori: sui siti appositi si trova davvero di tutto! I più piccoli si divertiranno con semplici canzoncine e filastrocche, cantate da voi o da un cd. Anche le storie raccontate da un narratore su cd sono l’ideale per catturare la loro attenzione (e anche quella dei grandi!). Per i più grandicelli sono ottimi i giochi con parole o numeri, anche derivati dai più popolari quiz televisivi: ispiratevi a Caduta libera, Reazione a Catena o Passaparola per elaborare dei giochini con domande semplici e alla portata dei bimbi. Giochini apparentemente banali ma che piacciono sempre a tutti sono quelli che coinvolgono i colori.

Di più su www.miobimbo.it sulla nostra home page.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *