Zapping adieu

Ho resistito tre, forse quattro mesi, come “opinionista” di zapping, trasmissione radiofonica, radio uno, dalle 19,30 alle 21. Mi aveva invitata con ruvido garbo, il dottor Forbice: serve una voce femminile, eccetera eccetera. Ho pensato: devo farlo. Anche se è faticosetto (e a titolo gratuito): un’ora e mezza attaccata al telefono in diretta. L’orecchio che bolle. Mezza giornata a leggere i giornali, commentare le telefonate degli ascoltatori, senza sapere di che cosa parleranno, nè, tanto meno, che cosa diranno. Ho pensato: devo farlo perchè la trasmissione la ascoltano in molti. Perchè è un occasione per entrare in contatto con persone che la pensano diversamente da te( visto che gli ascoltatori o la pensano come il conduttore e gli opinionisti- quasi tutti meno me- vengono maltrattati), comodo comunicare soltanto con i simpatici lettori dell’Unità… misurati col vasto mondo, prova a dirla a zapping, qualcosa di sinistra… Insomma: mi son convinta che andava accettata, la proposta.Mannaggia alla militanza… quando si dice che ti hanno rovinata da piccola. Insomma, incomincio. Vado avanti. Resisto.

Venerdì 13, ho perso la pazienza. Gli argomenti erano i cinesi di Milano e Gino Strada e Emergency…il sequestro d Hanefi…Karzai e Mastrogiacomo e D’Alema…le telefonate erano terribili…poi una signorina di Padova ha provato a dire che su internet c’era una informazione più libera , che ai telegiornali…Il dottor Forbice l’ha aggredita, le ha dato della stupida, ha detto che Internet smercia balle eccetera…Io ho rilevato l’aggressione, il signor Caputo (?) de Il giornale ha detto, in sostanza, che anch’io era una povera deficiente, che non dovevo permettermi di criticare Forbici…e …ho dato forfait. Mi sono dimessa e la mia onorata carriera di “Opinionistessa” è terminata. Meglio così.

93 commenti

  • Gentile signora Ravera,
    anch’io ho ascoltato Zapping del 13 aprile e non posso esimermi , seppure da posizioni politiche quasi opposte alle sue, dall’esprimerle la mia solidarietà per il suo scontro con Aldo Forbice. Si capiva benissimo che il conduttore era irritato perché l’ascoltatrice si era dichiarata d’accordo con lei, e non perché aveva parlato bene di internet. Purtroppo Forbice ha quest’abitudine, di stare col fiato sul collo a quelli che non la pensano come lui, di essere tranchant e liquidatorio non appena l’interlocutore accenni a qualche posizione “eterodossa”.
    La saluto cordialmente
    Massimo Cabelassi

    Commento di Massimo Cabelassi — 17 Aprile 2007 @ 13:40
  • Cara Lidia, hai sempre trovato contesti in cui occorra la tua militanza indefessa. Zapping è stato uno dei tanti, e la tua caparbietà non è andata sprecata. Sono sicura che tornerà a servirti presto.
    Commento di Claudia — 17 Aprile 2007 @ 14:25
  • Non c’era davvero scelta, hai fatto BENISSIMO ad andartene. Alla fine il rischio è che se c’è chi si impone su di te – quello che tiene il mixer dalla parte della manopola – finisci quasi per diventare complice di un teatrino della sminuizione, del sopruso, della cecità.
    Quindi meglio fuori, che trovino qualcun altro da provare a usare per farlo stare zitto.
    Ma la cosa migliore sarebbe che non ci andasse nessuno, alla fine la gente si stufa di chi se la suona e se la canta, e scema l’impatto. Noi siamo cmq [email protected] con te.

    Commento di monica — 22 Aprile 2007 @ 22:45
  • Gent. Sig.ra Ravera,
    senza conoscere questo sito e peraltro prescindendo da qualsiasi collocazione politica, le inoltro lo scambio di e-mail da me avuto con la redazione di zapping.
    La risposta si commenta da sola.
    Cordialità.
    Pasini

    Inviato: venerdì 20 aprile 2007 20.32
    A: Redazione Zapping
    Oggetto: FAZIOSITA’

    Vorrei esprimerle la mia disapprovazione per l’uso che lei fa del mezzo radiofonico.
    Lei é abitualmente fazioso, poco paziente ed aggressivo verso le persone che telefonano per manifestare le loro opinioni.
    Spesso le persone comuni non hanno una cultura eccezionale ma lei stesso é molto poco informato e competente su numerosissimi argomenti, sui quali si avventura però con arroganza ed imperio.
    La saggezza invece si accompagna all’umiltà ed alla tolleranza.
    Curare sottoscrizioni e lanciare appelli sui diritti umani non é difficile.
    Un vero servizio pubblico dovrebbe affidare con maggiore responsabilità i propri spazi.
    Mi unisco allo sconcerto di moltissime persone, compresi taluni ospiti (come Lidia Ravera) che non appartengono al teatrino abituale, augurandomi che la trasmissione torni ad essere affidata ad un conduttore più imparziale e competente come fu a suo tempo Santalmassi.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *